Comprare casa all’asta: come funziona, vantaggi e rischi

11 Dicembre 2020

Hai trovato un immobile che ti interessa e vorresti comprarlo, ma ti sei accorto che è in vendita all’asta?

Come funzionano le aste immobiliari? Sono soltanto una truffa?

Non commettere l’errore di tirarti indietro. Ora sei finalmente capitato nell’articolo di cui avevi bisogno.

Le aste immobiliari non sono più un problema per chi vuole comprare casa, anzi, potrebbero significare un sacco di vantaggi economici. Però ci sono un paio di cose che bisogna sapere.

Ecco perché abbiamo deciso di scrivere questo articolo. 

Mettiti comodo e seguici, andiamo a scoprire tutto quello che devi sapere su come comprare una casa all’asta: come funziona, quali sono i vantaggi e i rischi di questa formula.

 

Cose da fare prima dell’asta

Prima di recarti all’asta e provare ad acquistare l’immobile di tuo interesse, ci sono determinate cose che devi assolutamente fare. Leggere innanzitutto i dettagli tecnici dell’asta e soprattutto quelli dell’immobile.

Quali sono nello specifico questi dettagli? Scopriamoli insieme:

  • Ora, luogo e data dell’asta
  • Prezzo base e rilancio minimo
  • Informazioni dell’immobile in vendita
  • Termine di presentazione delle offerte
  • Modalità di vendita

 

Perizia e prezzo d’asta

Hai finalmente deciso l’immobile che vorresti acquistare e il primo pensiero va’ subito al prezzo. Chi decide quanto costa un immobile?

Un perito nominato dal Giudice è la figura che si occupa di stabilire il prezzo, per poi poter stilare la perizia tecnica. 

Nell’ordinanza di vendita verranno indicati sia il prezzo dell’immobile che il prezzo minimo di rialzo, per garantire la massima trasparenza.

Se dovesse succedere che ci fossero quattro aste deserte, il Giudice potrebbe decidere di abbassare il prezzo fino a un massimo del 50%.

 

Asta con incanto o senza incanto: le differenze

Le tipologie di aste esistenti sono principalmente due: con incanto e senza incanto.

Un’asta con incanto è il classico tipo di asta dove tutte le persone interessate si riuniscono insieme al battitore e si dà il via al processo che sicuramente conoscerai e avrai visto tante volte nei film, con un rilancio che segue l’altro.

Le aste senza incanto invece sono aste nelle quali non è previsto alcun rilancio. Se si vuole partecipare a questo tipo di aste, è necessario inviare un’offerta in una busta chiusa. L’offerta non è revocabile e deve essere accompagnata da una cauzione. Questa cauzione non è altro che un assegno dal valore del 10% dell’offerta. 

In questo modo l’asta si concluderà più in fretta e il prezzo finale non aumenterà di molto rispetto a quello iniziale. 

 

Visionare l’immobile

Leggere le informazioni relative all’immobile sul sito non è di certo abbastanza. Sono sicuro che prima di presentarti all’asta, vorrai vedere l’appartamento con i tuoi occhi. Cosa devi fare? È possibile vedere l’immobile prima dell’asta?

Ovviamente è possibile, altrimenti in pochi accetterebbero di comprare al buio.

Per poterlo fare è necessario rispettare una procedura. Questa consiste nell’inviare la richiesta. Lo si può fare online oppure parlando con il custode.

Non sottovalutare questo momento. Vedere l’immobile ti permetterà di capire se la descrizione e le foto corrispondono alla realtà, se l’appartamento ti piace per davvero e se vale i soldi che hai intenzione di spendere. 

 

Tempi di pagamento e tassazione

Se il prezzo è sicuramente il punto in cima alla lista, immediatamente dopo arrivano la modalità e i tempi di pagamento, insieme alla tassazione.

Come si può pagare una casa all’asta? Tramite un mutuo oppure utilizzando denaro liquido?

Devi sapere che puoi scegliere entrambe due le possibilità.

Se hai intenzione di utilizzare il mutuo, devi muoverti in anticipo e trovare una banca che te lo rilascia per questo tipo di situazione. Per quanto riguarda il tempo del pagamento, dal momento in cui ti aggiudichi l’immobile hai a disposizione tra i 60 ai 90 giorni per pagare.

Per quanto riguarda la tassazione fiscale, non ci sono tante differenze rispetto all’acquisto standard.

 

Le aste telematiche

Ecco l’ultima novità in termini di aste entrata in vigore da soli due anni: le aste telematiche.

Come funziona un’asta telematica?

Questa formula consiste nell’inviare l’offerta al portale unico del Ministero in maniera telematica. Successivamente saranno i software del Ministero a gestire l’asta. 

 

Eccoci arrivati alla conclusione dell’articolo. Sono sicuro che ora hai un’idea molto più chiara sulla vendita di un immobile all’asta. Abbiamo scoperto insieme cosa devi fare, quali tipologie di aste immobiliari esistono, quali sono i vantaggi e i possibili rischi.

Ora non ti resta altro da fare che prendere in seria considerazione di comprare un appartamento all’asta. Il modo migliore per avere subito un’idea concreta è quello di iniziare a dare un’occhiata online e mettere in pratica tutte le informazioni che ti abbiamo messo a disposizione tramite questo articolo.

Se per caso hai ancora qualche dubbio o qualche domanda, non farti problemi a contattarci. Clicca qui e saremo lieti di darti una mano.